Miss 7miliardi, di Costanza Miriano

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 02 /11 /2011 - 01:10 am | Permalink
- Tag usati:
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Riprendiamo da Avvenire dell’1/11/2011 un articolo scritto da Costanza Miriano. Restiamo a disposizione per l’immediata rimozione se la presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno degli aventi diritto. I neretti sono nostri ed hanno l’unico scopo di facilitare la lettura on-line.

Il Centro culturale Gli scritti (2/11/2011)

Cara bambina numero sette miliardi, ti scrivo questa lettera per tranquillizzarti nel caso ti capitino sotto mano i giornali del ricco mondo occidentale, preoccupato per la tua nascita: dicono che siamo in troppi. A qualcuno potrebbero magari essere sfuggite parole poco accoglienti, e mi dispiace, anche se dubito che tu e soprattutto tua madre perdiate tempo con i nostri editoriali: tu non sai leggere, lei ha partorito ieri e credo che per qualche tempo potrà dedicarsi al massimo alla lettura delle istruzioni dell’additivo igienizzante per bucato, e, se le dovesse capitare di immergersi in qualcosa di più elaborato – tipo il foglietto del dentifricio – si assopirà senz’altro alla terza riga, spero (dimmi che sono normale, ti prego).

Pare, dicono gli esperti delle Nazioni Unite, che ci siano buone probabilità che tu, oltre a essere femmina – e dunque a rischio gravidanza fra qualche annetto – abbia anche l’aggravante di essere filippina o indiana. Credo che queste congetture servano appositamente a gettare un’ombra sinistra sulla tua venuta, avvenuta tra l’altro per studiata coincidenza nel giorno che i pagani dedicano alle loro paure, Halloween: fossi stato un solido maschio tedesco nato in primavera, magari, avresti suscitato meno angosce. Invece una bimba di un paese “periferico” – anche se la geografia mondiale del peso economico pare invitare a rivedere il concetto – sembra più minacciosa per il benessere dei paesi ricchi.

Noi invece ti vogliamo dire comunque benvenuta. Noi ti vogliamo dire che lo sviluppo sostenibile è una parola d’ordine che non ci appartiene, se il suo obiettivo è mantenere per pochi un livello di ricchezza illimitata, uno stile di vita inneggiante alla crescita infinita della produzione dei beni (ma com’è che i prodotti interni lordi devono crescere sempre ma quando nasce la gente le risorse sono finite?).

Noi ti vogliamo dire che le preoccupazioni per l’ambiente sono giuste, sì, ma, come ha ricordato il Papa agli ambientalisti tedeschi, esiste anche un’ecologia dell’uomo. “L’uomo non è soltanto una libertà che si crea da sé – ha detto parlando al Bundestag questo signore che spero potrai presto imparare a conoscere, ne vale la pena – L’uomo non crea se stesso.”

È proprio questo il punto, cara bambina. Poiché non ti sei creata da te stessa, e poiché neanche i tuoi genitori ti hanno creata, ma solo si sono resi strumenti della trasmissione della vita, e poiché la vita è comunque e sempre un dono di Dio, intoccabile e indisponibile dall’inizio alla fine, noi ti diciamo che dal momento che sei arrivata c’è posto anche per te.

In particolare noi che siamo Italiani possiamo confermartelo: siamo il popolo che fa meno figli al mondo, e tanto il nostro Pil non cresce. Anzi non cresce proprio per quello: meno gente, meno lavoro, diminuiscono i consumatori, e mentre non si sostiene in nessun modo la famiglia, tutti sono costretti a consumare affannosamente di più, contraendo debiti anche per mantenere i tanti vecchi. Ma questa è una cosa troppo difficile per te cara bambina.

Comunque fidati, lo dice meglio di tutti il Papa, sempre lui, si chiama Benedetto, nella Caritas in Veritate: “la diminuzione delle nascite mette anche in crisi i sistemi di assistenza sociale, contrae il risparmio, restringe il bacino dei cervelli”.

Adesso hai sentito parlare di tutte queste cose brutte – debiti, pil, sovrappopolazione – e magari stai pensando che forse qualche ragione di spaventarti un po’ c’è. Stai tranquilla. Dio a noi ha detto. “Non vale la vita forse più del vestito?” Lo ha assicurato a noi, che, non te l’ho ancora spiegato, siamo cristiani, cioè familiari dei santi, cittadini del cielo, e scusa se è poco. Se vuoi unirti a noi ti possiamo promettere che tutto concorre al bene per coloro che amano Dio. Piuttosto noi, forse ci dovremo occupare di una cosa: visto che la farina aumenta, forse è il caso che aumentiamo un po’ la quantità di lievito. Lo so persino io che sono una massaia piuttosto scarsa.