Studio Oms. Più nonni che nipoti: il sorpasso nel 2020, di A.Ma.

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 14 /12 /2014 - 13:55 pm | Permalink
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Riprendiamo da Avvenire del 6/11/2014 una breve nota a firma A.Ma. Restiamo a disposizione per l’immediata rimozione se la presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno degli aventi diritto. I neretti sono nostri ed hanno l’unico scopo di facilitare la lettura on-line.

Il Centro culturale Gli scritti (14/12/2014)

Il "sorpasso" arriverà nel 2020, tra poco più di un lustro. A quella data il numero degli ultrasessantacinquenni nel mondo supererà quello dei bambini al di sotto dei 5 anni. In parole povere: ci saranno più nonni che nipoti. E se questo è uno scenario a cui siamo già abituati nel mondo occidentale, il dato è certamente sorprendente a livello planetario. 

La rivista The Lancet  pubblica uno studio firmato da tre esperti dell'Organizzazione mondiale della sanità (Bleard, Bormea e Chatterji, che dello studio è il coordinatore) e dall'americano Suzman, in cui si prevede che gli anziani saranno oltre il 20% del totale a metà di questo secolo: circa 2 miliardi di persone, contro gli 841 milioni di oggi.

La preoccupazione dell'Oms, com'è ovvio, è sul fronte sanitario: se infatti i Paesi occidentali si sono già "tarati" sull'invecchiamento della popolazione e hanno sviluppato, chi più, chi meno, politiche sanitarie per affrontare il cambiamento, non altrettanto si può dire per i Paesi a un diverso grado di benessere

Questa è la grande sfida per i sistemi sanitari, sentenzia l'Oms. Un esempio per tutti: la demenza senile, che oggi secondo le stime affligge 44 milioni di persone, nel 2050 ne colpirà ben 135 milioni. Una delle soluzioni che l'Oms suggerisce è l'adozione progressiva della "copertura sanitaria universale". Un compito che appare arduo, se si esce dai confini dell'Europa.