1/ Il popolo ebraico è fortemente plurale, ecco la sua composizione, di Ugo Volli 2/ Israele, le tante facce dell’ebraismo. Un dossier della rivista francescana Terrasanta sugli ebrei religiosi di oggi tra stereotipi e realtà, di Giorgio Bernardelli

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 12 /04 /2015 - 14:24 pm | Permalink
- Tag usati:
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

1/ Il popolo ebraico è fortemente plurale, ecco la sua composizione, di Ugo Volli

Riprendiamo dal sito Informazione corretta un articolo di Ugo Volli pubblicato il 2/1/2012. Restiamo a disposizione per l’immediata rimozione se la sua presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno degli aventi diritto. I neretti sono nostri ed hanno l’unico scopo di facilitare la lettura on-line. Per approfondimenti, vedi la sotto-sezione Ebraismo nella sezione Cristianesimo, ecumenismo e religioni.

Il Centro culturale Gli scritti (12/4/2015)

N.B. de Gli scritti: Alle diverse correnti ebraiche presenti oggi in Israele si sarebbero potuti aggiungere anche i Messianic Jews, i Giudei messianici, i quali, pur non avendo compiuto il passo di diventare cristiani, ritengono che il Messia sia già venuto e che sia Gesù di Nazaret (si ritiene che possano essere oggi in Israele circa 10.000).

Cari amici,
avete letto tutti, immagino, delle notizie piuttosto infami sulla bambina insultata a Beit Shemesh perché andava a scuola indossando una maglietta con le maniche corte, degli autobus separati per genere, della manifestazione di ieri a Gerusalemme in cui alcune persone sono sfilate in divisa da deportati nei Lager per protestare contro la "repressione" dello stato israeliano.

Prima di commentare queste cose, bisogna dare informazioni, perché i giornali italiani, per la solita propaganda anti-israeliana o per semplice ignoranza, deformano gravemente la realtà. Incominciamo col dire che per tradizione tribale, per un antichissimo gusto della sfida intellettuale e per effetto della diaspora il popolo ebraico è fortemente plurale.

Ci sono le grandi correnti degli askenaziti (ebrei provenienti dall'Europa centro-orientale), sefarditi (provenienti dalla Spagna) e mizrahi (dai paesi islamici, spesso confusi coi precedenti), ulteriormente suddivisi per paesi (gli italiani, per esempio non appartengono a nessuno dei tre gruppi). Ci sono poi gli israeliani e gli ebrei della diaspora, di numero ormai quasi pari, con abitudini e quadri mentali molto differenziati.

Ci sono i laici, poco o nulla praticanti l'ebraismo anche se ne applicano i riti alle tappe fondamentali della vita -nascita matrimonio morte - e magari ricordano le feste fondamentali, maggioranza in Israele e in Europa, e i religiosi. 

L'appartenenza religiosa di solito si riferisce a tre grandi correnti: i "reform", più modernisti di tutti, i "conservative" che costituiscono una sorta di via di mezzo, sforzandosi di conciliare le regole antiche della religione con la modernità, e gli ortodossi, che rispettano non solo le regole bibliche e del Talmud, ma anche tutte le decisioni e i costumi che si sono affermati nel corso dei secoli e sono riassunte in codici di comportamento religioso come lo "Shulkan arukh". 

Tutti e tre i filoni sono molto suddivisi, ma vale la pena di approfondire le differenze nel mondo ortodosso. La corrente più diffusa in Europa e anche in Israele è quella dei Modern Ortodox, fondata in Germania nella prima metà dell'Ottocento, come reazione all'affermazione del movimento reform. Sono persone che mantengono le regole alimentari, liturgiche, familiari ecc. ma non le considerano incompatibili col mondo moderno. Il loro abbigliamento, il loro lavoro, la loro vita sociale e politica è compatibile con la società contemporanea.

In Israele soprattutto vi sono due altri gruppi, i "sionisti religiosi" (datì leumì) che comprendono il grosso dei "coloni", cioè degli abitanti dei villaggi e delle città oltre la linea verde, e gli "haredim" (i timorati). I primi, animati da profondo spirito religioso, difendono soprattutto il carattere ebraico della Terra di Israele e dei luoghi della sua formazione che oggi sono otre la linea verde, aspirano a una vita semplice e di campagna, sono spesso vestiti di conseguenza in maniera semplice e pratica, con kippot ("papaline") colorate realizzate all'uncinetto, si arruolano in massa nelle unità d'élite dell'esercito, sono regolati da istituzioni politiche democratiche. 

I secondi, gli "haredim" o "timorati", sono i "neri", vestiti secondo il costume est-europeo dell'Ottocento con  palandrane e cappelli di pelliccia. Buona parte non lavora e non fa il servizio militare ma studia la tradizione ebraica, vive di sussidi di disoccupazione. Sono divisi in moltissimi gruppetti, a seconda della località di provenienza, spesso in accanita polemica religiosa fra loro (i "lituani" contro i "chassidim" ecc.), ma uniti a Gerusalemme da un'organizzazione rappresentativa (Eda Haredit) decisamente antagonistica rispetto all'organizzazione dello Stato. 

Buona parte di questi gruppi non riconosce infatti la legittimità religiosa dello Stato ebraico e alcuni lo aborrono e lo vorrebbero vedere distrutto; in particolare i chassidim di Satmar, che sono abbastanza numerosi (qualche decina di migliaia) e i pochissimi ma rumorosissimi "Naturei Karta" (guardiani della città), specializzati in provocazioni antisraeliane: in Internet gira un filmato di un caloroso incontro dei loro leader con Ahmadinejad, ma si sono schierati con Hamas, hanno fatto i ministri per gli affari ebraici di Arafat, sono lodati da siti antisemiti in mezzo mondo.

La maggior parte di loro è schierata sul punto fondamentale della legittimità dello stato di Israele su posizioni analoghe a quelle della sinistra più intransigente e super-laica: paradossi della politica. In generale sono affetti da un'interpretazione molto letterale delle loro tradizioni e da una sessuofobia particolarmente intollerante. Sono loro gli autori degli ultimi incidenti e anche degli scontri violenti che negli ultimi anni hanno più volte devastato quartieri di Gerusalemme contro l'apertura di un parcheggio funzionante anche di sabato.

I rapporti fra Stato di Israele e religiosi sono spesso descritti dai giornali alternativamente come ideologici (il governo della destra fanatica) o come di interesse (la destra che "comprerebbe" i voti dei religiosi). In realtà il "compromesso storico" fra il sionismo che nacque e resta laico (sia nella variante laburista che in quella "revisionista" cioè nazionalista) e il mondo religioso, risale alla fondazione del movimento, è stato perseguito già da Theodor Herzl e messo in pratica da Ben Gurion e ha profonde ragioni ideali. L'ebraismo si è perpetuato soprattutto come religione e non può certo mettersi a escludere o peggio a perseguitare le sue correnti più attaccate alla tradizione. Agli haredim è stato dunque concesso un regime di esenzione dal servizio militare e di finanziamento sociale, che per lo più non è stato purtroppo ricambiato dalla lealtà. Ma si tratta di una corrente in crescita (come è in crescita il sionismo religioso), che avrebbe certamente diritto al rispetto di tutti. Questo rispetto è però reso impossibile dall'intolleranza e dalla violenza di certe manifestazioni, dal rifiuto di accettare la legittimità di chiunque altro, in casi estremi dalla volontà consapevole di ferire la maggioranza e di violare i diritti altrui.  

La questione femminile in questo senso è esemplare: nessuno vuole imporre agli haredim delle forme di socializzazione che essi disapprovano, per esempio la mescolanza dei generi durante la preghiera (che tutti gli ortodossi rifiutano e invece reform e conservative approvano). O nessuno vuole impedir loro di vestirsi con "modestia", anche se i suoi modelli vestimentari sono un esempio classico di assimilazione, ripresi come sono dai costumi ottocenteschi di Polonia e Ucraina.

Ma lo spazio pubblico (le strade, gli autobus finanziati dallo stato ecc .) non appartiene loro e per fortuna la libertà di tutti vi è difesa dalle istituzioni dello stato democratico e dalla mobilitazione pubblica. Vale la pena di notare che vi è un forte conflitto tendenziale fra haredim e tutti gli altri gruppi, inclusi i modern orthodox e i sionisti religiosi e per certi versi anche i sefarditi ortodossi, che sono organizzati a parte.

La bambina importunata a Beit Shemesh per la sua maglietta a maniche corte non era "laica", ma apparteneva a una comunità sionista religiosa, quelli che normalmente i giornali europei, e anche la stampa di sinistra israeliana, insultano con l'etichetta di coloni.

Per finire: questa situazione di subbuglio, divisione, dibattito acuto fa parte della fisiologia del mondo ebraico e in particolare di quello israeliano da sempre. Israele ha certamente gli anticorpi per contenere le frange illiberali senza reprimere lo spirito religioso e sa farlo pacificamente. Quelli che si stracciano le vesti per la democrazia israeliana e invocano inesistenti "maggioranze silenziose" contro "l'alleanza della destra e degli ultraortodossi" farebbero bene a spostare lo sguardo subito oltre i confini di Israele e a guardare il sangue sparso in Siria o in Egitto, dove i rapporti fra religione e politica e le dittature al potere sono davvero violente e intolleranti.

2/ Israele, le tante facce dell’ebraismo. Un dossier della rivista francescana Terrasanta sugli ebrei religiosi di oggi tra stereotipi e realtà, di Giorgio Bernardelli

Riprendiamo dal sito Vatican Insider un articolo di Giorgio Bernardelli pubblicato il 7/4/2012. Restiamo a disposizione per l’immediata rimozione se la sua presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno degli aventi diritto. I neretti sono nostri ed hanno l’unico scopo di facilitare la lettura on-line. Per approfondimenti, vedi la sotto-sezione Ebraismo nella sezione Cristianesimo, ecumenismo e religioni.

Il Centro culturale Gli scritti (12/4/2015)

Sono balzati all'attenzione dei giornali - qualche settimana fa - per le minacce alla bambina di Beit Shemesh che «osava» non vestire con il gonnellone e le maniche lunghe delle donne haredim. Ma è davvero solo questo oggi il volto degli ebrei religiosi in Israele? E quanto contano davvero nell'eterno braccio di ferro con l'Israele laico?

È il viaggio che propone nel suo nuovo numero il bimestrale Terrasanta,la rivista legata ai francescani della Custodia di Gerusalemme. «Oltre Meah Shearim» si intitola un dossier di sedici pagine che si propone di aiutare il lettore ad andare oltre gli stereotipi sull'ebraismo religioso, per provare a coglierne la sua vitalità in Israele e il rapporto con le esperienze più quotidiane nella vita delle persone.

Preziosa, in particolare, è la mappa che la rivista propone per orientarsi tra i diversi volti degli ebrei religiosi oggi nella terra di Gesù. Intanto quanti sono? Un ordine di grandezza abbastanza attendibile è quello che li identifica come circa un terzo della società israeliana. Bisogna però intendersi bene anche rispetto a questa proporzione: non vuole automaticamente dire che tutti gli altri sono hilonim, cioè laici. Nel mezzo c'è infatti il vasto gruppo di coloro che si sentono ebrei per tradizione (masorti in ebraico) ma non per questo seguono tutti i precetti dell'ebraismo. Ed è uno spettro che ha sfumature tra loro molto diverse: c'è chi accende le candele all'arrivo dello shabbat ma non si reca in sinagoga, chi mangia comunque cibo kosher, chi celebra solo il seder - la cena rituale - nella Pasqua ebraica (ben l'85 per cento degli ebrei israeliani dichiara di farlo) o chi guarda al proprio ebraismo solo come ad una serie di gesti che preservano un'identità.

Anche tra i religiosi propriamente detti, però, si distinguono gruppi tra loro molto diversi. E se anche è vero che in Israele le comunità riformate e conservative (maggioritarie negli Stati Uniti) sono una presenza molto marginale rispetto all'ebraismo ortodosso, ugualmente il pluralismo nei modi di vivere la fede è il tratto caratterizzante. Ad esempio i famosi haredim - letteralmente i «timorati di Dio», gli ultra-ortodossi che con i loro cappelli a larghe tese e i soprabiti neri compaiono in tutte le fotografie - sono solo uno di questi gruppi: complessivamente rappresentano circa il 10 per cento della popolazione di Israele e al loro interno, dal punto di vista dell'impostazione spirituale, sono tuttora divisi tra gli storici gruppi degli hassidim e dei lituani, le correnti che si scontravano già nell'Europa Orientale prima dell'immigrazione in Israele. Il loro rapporto con lo Stato di Israele in realtà è abbastanza complesso: inizialmente non erano affatto sionisti, perché diffidavano dall'idea di una legge altra rispetto alla Torah. Poi la storia degli ultimi settant'anni li ha portati a scendere a patti con lo Stato ebraico, ma il conflitto resta comunque irrisolto.

Da questa prima grande corrente se ne è andata progressivamente staccando una seconda, quella dei cosiddetti hardalim cioè gli haredim nazionalisti. Sta a indicare un gruppo che è rimasto sì legato a un'osservanza molto stretta dell'ortodossia più tradizionale, ma a differenza degli altri haredim l'ha declinata nel segno di un sionismo di matrice religiosa.

Da entrambi i gruppi, infine, si distingue quello che si definisce l'universo dei dati leumi («nazionalisti religiosi»), che è sostanzialmente di impostazione modern orthodox: sono gli ebrei osservanti dei precetti della tradizione ebraica, che ambiscono però a vivere la propria religiosità dentro l'orizzonte della modernità e non in un ambiente separato. Per loro lo studio non è solo studio della Torah, ma è aperto anche alle altre discipline del sapere. La propria professione o il modo di vestire è uguale a quello di qualsiasi israeliano non religioso (eccetto il fatto che indossano la kippah). Alle ragazze sono offerte le stesse opportunità d'istruzione.

È soprattutto quest'ultimo gruppo - molto più folto rispetto a quanto le cronache dalla Terra Santa solitamente raccontino - che il dossier di Terrasanta aiuta a incontrare. Recandosi in sinagoga con loro al tramonto del venerdì; chiedendo a una giovane guida turistica (nonché aspirante rabbino) di raccontare quale sia il suo rapporto con l'Eretz, la Terra di Israele; incontrando nel salotto di casa una coppia di hozrim bitshuva, cioè quegli ebrei cresciuti in un ambiente laico che hanno scelto di riavvicinarsi alla fede. Ed è con loro che si affronta anche il tema del significato delle mizvot, i 613 precetti che l'ebreo osservante deve adempiere per camminare sulla via indicata dalla Torah.

Il dossier ospita infine un'intervista ad Hana Bendkowsky, ebrea di Gerusalemme da anni attiva nel dialogo con tante realtà cristiane. Proprio a lei nell'ottobre 2010 la Santa Sede affidò il compito di raccontare agli israeliani il Sinodo per il Medio Oriente su un'apposita sezione in ebraico aperta sul sito della Radio Vaticana. Molto chiara la sua risposta alla domanda sui pregiudizi più diffusi tra i cristiani nei confronti degli ebrei: «Non ci conoscete - spiega -. In Israele cercate ancora gli ebrei dell'epoca del secondo tempio, quelli di duemila anni fa. Non capite la relazione che esiste tra la religione e i precetti. Credo, però, che lo stesso discorso valga, a parti invertite, anche per tanti ebrei nei confronti dei cristiani».