“The Simple Interview”, l’intervista al fratello down diventa virale

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 06 /04 /2015 - 22:48 pm | Permalink
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Riprendiamo sul nostro sito un breve articolo pubblicato dal sito Blitz quotidiano il 31/3/2015. Restiamo a disposizione per l’immediata rimozione se la presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno degli aventi diritto. I neretti sono nostri ed hanno l’unico scopo di facilitare la lettura on-line. Per approfondimenti, vedi la sotto-sezione Disabilità e catechesi nella sezione Catechesi, scuola e famiglia e la playlist Catechesi e disabilità nel canale Youtube Catechistiroma

Il Centro culturale Gli scritti (7/4/2015)

CASTELFRANCO VENETO (TREVISO) – Jack e John sono due fratelli che si vogliono un bene dell’anima e che vivono a Castelfranco Veneto in provincia di Treviso. I due ragazzi di 18 anni e 12, hanno pubblicato su YouTube un video che passo dopo passo sta diventando virale raccogliendo in dieci giorni già più di 10mila clic, un buon risultato per un video realizzato in un luogo poco conosciuto.

Il video rivela le tante qualità spesso nascoste, dei ragazzi con la sindrome di Down. Jack e John sono infatti Giacomo e Giovanni Mazzariol: il primo frequenta il liceo Giorgione e ha 18 anni; il secondo ne ha 12, fa la prima media e ha la sindrome di Down. “Ma è lui che insegna qualcosa a me ogni giorno” racconta Giacomo che ha avuto l’idea di realizzare questo video con cui voler dare un contributo alla giornata mondiale sulla sindrome di Down: “Ho voluto mostrare quello che non si può capire di Giò se non lo si conosce davvero. L’ho fatto per lui, si è divertito molto, ma l’ho fatto anche per me, perché mi ha cambiato profondamente”.

Il fratello più grande ha preso in prestito uno studio elegante in un centro commerciale, ha allestito un set ed ha vestito Giovanni con la giacca e il farfallino trasformandolo in attore. E il video sta piacendo molto: oltre a clic ricevuti, lo testimoniano i tanti commenti.