Esercizio post-omiletico sull’universalità della parabola del samaritano. Breve nota di Andrea Lonardo

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 17 /07 /2016 - 16:09 pm | Permalink
- Tag usati:
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Il Centro culturale Gli scritti (17/7/2016)

Vincent van Gogh, Il buon samaritano, copia da Delacroix, 
1890, Kröller-Müller Museum, Otterlo, Paesi Bassi

Gesù racconta in un parabola del buon samaritano, di uno straniero eretico che ama. Gesù è così libero e universale che oggi avrebbe detto così… (N.B. è un esercizio post-omelia, nulla di più).

Ad un ebreo: scendevano un rabbino, poi un regista cinematografico ebreo che parlava con un romanziere ebreo, ma passarono oltre, invece un palestinese

Ad un palestinese: scendevano un militante di Hamas, poi un politico palestinese, ma passarono oltre, invece una soldatessa israeliana

Ad un musulmano sunnita: scendevano uno studioso di al-Azhar, poi un ortodosso fedele al Ramadan, ma passarono oltre, invece uno sciita

Ad un musulmano sciita: scendevano un iraniano fedele agli ulema, un assertore dell’indipendenza della Persia dalla sunna, ma passarono oltre, invece un giovane sunnita…   

Ad un lettore di Repubblica: scendevano un giornalista che si occupava degli esteri del quotidiano, un vignettista satirico anticlericale, ma passarono oltre, invece una catechista di parrocchia… 

Ad un giovane destrorso: scendevano un entusiasta lettore di Nietzsche, un nostalgico della difesa del carattere nazionale italiano, ma passarono oltre, invece uno dei centri sociali… 

Ad un cattolico impegnato: passò uno scout dell’AGESCI, passò un responsabile dell’AC, ma passarono oltre, invece un rampollo della borghesia bene

Ad un fedelissimo del PD: passò un estimatore dei libri sull’Africa di Veltroni, passò un responsabile dell’ARCI, ma passarono oltre, invece un elettore della Meloni…    

Ad un africano della tribù dei Luba: passò un capifamiglia Luba, passò poi un sacerdote Luba, ma passarono oltre, invece un giovane Mangbetu-Azande

Ad un rwandese hutu: passò un politico hutu, passò poi un insegnante hutu, ma passarono oltre, passò invece un camionista tutsi

Ad un ivoriano: passò un sacerdote ivoriano, passò poi un capofamiglia ivoriano, ma passarono oltre, passò invece un giovane nato albino

E se avesse avuto davanti un samaritano gli avrebbe detto: passò un lettore del Pentateuco samaritano, passò poi un samaritano che veniva da un pellegrinaggio al monte Garizim, ma passarono oltre. Ma passò infine un ebreo di Gerusalemme e questi si fermò, si chinò e se ne prese cura…    

Ognuno ha i suoi razzismi e le sue preclusioni, Gesù li farebbe saltare tutti, perché non sceglie una preclusione contro un’altra, bensì non ritiene nessuno nemico. Cerca in ogni realtà cuori che amino e non disprezzino alcuna persona ed alcuna categoria. Gesù non afferma che i samaritani sono migliori degli ebrei, ma sa vedere il samaritano che è buono e vero ed indicarlo come un dono!