“Allah mahaba”, “Dio è amore”, esclamano nella notte di Natale gli arabi cristiani. Breve nota di Giovanni Amico

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 24 /12 /2016 - 18:47 pm | Permalink
- Tag usati: ,
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Riprendiamo sul nostro sito una breve nota di Giovanni Amico. Per approfondimenti, cfr. la sezione Cristianesimo, ecumenismo e religioni.

Il Centro culturale Gli scritti (25/12/2016)

È bello nella notte di Natale esclamare «Allah mahaba», cioè «Dio è amore». Il nome Allah, infatti, non è un nome proprio di Dio, non è un termine tipicamente musulmano.

Allah non è un nome confessionale. Vuol dire semplicemente Iddio (cioè “Dio” con l’articolo). Gli arabi che sono rimasti cristiani (ad esempio, i cristiani siriani o quelli palestinesi o copti o irakeni) si rivolgono a Dio dicendo Allah.

La loro professione di fede a partire dal Natale è “Allah mahaba”, cioè “Dio è amore”.

Certo anche per i cristiani arabi Dio è grande, Dio è akbar, ma la loro esclamazione più profonda è “Allah mahaba”, “Dio è amore”.

Anche il tono di voce con il quale viene detta l’espressione “Allah mahaba” è significativo. Non lo si può urlare con fare aggressivo, bensì lo si deve dire con forte dolcezza.

È bello anche che tanti musulmani, che tanta brava gente, facciano gli auguri di Natale ai cristiani, così come è bello che i cristiani li facciano per le festività islamiche ai loro vicini musulmani.