I frutti (e le piante) che vengono dalle Americhe: la gratitudine che dobbiamo per la domesticazione. Due righe e una domanda, di Andrea Lonardo

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 26 /03 /2017 - 21:58 pm | Permalink
- Tag usati:
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Riprendiamo una nota di Andrea Lonardo. Per approfondimenti, cfr. la sezione Scienza e fede.

Il Centro culturale Gli scritti (26/3/2017)

immagine

Clicca per ingrandire

Passeggiando per l’orto botanico di Bologna ci si imbatte in alcuni pannelli che indicano quali piante siano state “domesticate” nei diversi continenti.

Il pomodoro, la patata, il cacao, lo zucchino, il peperone, il fagiolo, il mais, l’ananas, il girasole, la zucca sono tutte piante giunte in Europa dopo la scoperta delle Americhe. Sono state “domesticate” nel continente americano e sono poi giunte in Europa dopo la “scoperta” dell’America: cosa mangeremmo senza Colombo e soprattutto senza le popolazioni indigene americane?