«Forse tu non lo sai, non te l'hanno detto mai, che le cose trasparenti sono le più resistenti». L’uomo sa bene che non è vero solo ciò che si vede. Breve nota di Andrea Lonardo

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 25 /06 /2017 - 22:28 pm | Permalink
- Tag usati:
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Riprendiamo sul nostro sito una breve nota di Andrea Lonardo.

Il centro culturale Gli scritti (25/6/2017)

Gli storici russi, dopo la caduta del marxismo - che si “vedeva”, eppure non era vero, bensì ingannevole -, negano oggi che Gagarin, dopo il primo volo in orbita intorno alla terra, abbia affermato di essere andato in cielo eppure di non aver visto Dio.

Nonostante questo si trova ancora chi usi come argomento dozzinale che, come nessuno ha mai visto l’asino volante poiché esso non esiste, allo stesso modo si dovrebbe senza alcun dubbio negare l’esistenza di Dio, poiché Dio non lo si vede “svolazzare” in cielo.

Ovviamente non si intende con questa nota dirimere la questione in quattro e quattr’otto – fra l’altro se essa fosse così facilmente risolvibile in senso ateistico o fideistico non ne avrebbero parlato lungamente persone del calibro di Socrate, Platone, Aristotele, Agostino, Galilei, Locke, Kant, Darwin, Mendel e compagnia bella, tutti propensi a credere che la domanda su Dio non sia facilmente risolvibile, così come non si parlerebbe, da un punto di vista cristiano, di “rivelazione” di un Dio fattosi visibile nell’incarnazione.

Non essendo il caso di aprire in questa breve nota l’intera questione, quello che si intende, invece, è fornire un piccolo esempio – suggerito da padre Maurizio – di come l’uomo sappia bene che non è vero solo ciò che si vede.

In una canzoncina scout sulla pace si invita, infatti, a non confidare nella costruzione di difese visibili per scongiurare le guerre, bensì a costruire nei cuori qualcosa che non si può vedere, che è “trasparente”, ma che è molto più “resistente”, molto più vero e reale delle “mura” e delle “armi” che si vedono.

Forse tu non lo sai

RIT: Forse tu non lo sai, non te l'hanno detto mai

che le cose trasparenti sono le più resistenti.

Se per caso un bel mattino tu vedrai il tuo vicino

ripararsi dietro a un muro per sentirsi più sicuro,

fare un buco nella terra per paura della guerra

non volerlo imitare, prova a metterti a cantare.

RIT: Forse tu non lo sai...

Se per caso un bel mattino tu vedrai il tuo vicino

buttar soldi dalla spesa nel bilancio della difesa

non cadere nel tranello, non buttarti nel duello

non volerlo imitare, prova a metterti a cantare

RIT: Forse tu non lo sai...

Se al posto di una piazza preferisci una corazza

non pensare che un'armatura sia la cosa più sicura

dentro non ci puoi nuotare, finirai per affogare

non lasciarti corazzare, prova a metterti a cantare.

RIT: Forse tu non lo sai...

N.B. Il testo è tratto dal sito TUTTOSCOUT.ORG. Il sito in questione dichiara che il Copyright di ogni testo appartiene ai rispettivi autori.