Bakhita, schiava salvata dagli italiani La sua storia ora è un best seller. Rapita da mercanti arabi nel Darfur, fu venduta più volte e finì anche in un harem. Poi la comprò il console Callisto Legnani. Arrivata in Italia si fece suora e diventò santa, di Stefano Montefiori

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 17 /09 /2017 - 23:54 pm | Permalink
- Tag usati: , ,
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Riprendiamo dal Corriere della Sera del 15/9/2017 un articolo di Stefano Montefiori. Restiamo a disposizione per l’immediata rimozione se la sua presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno degli aventi diritto. I neretti sono nostri ed hanno l’unico scopo di facilitare la lettura on-line. Per approfondimenti, cfr. le sezioni Immigrazione, integrazione, intercultura e Laicità e diritti umani.

Il Centro culturale Gli scritti (17/9/2017)

Uno dei romanzi di maggiore successo della rentrée litteraire, vincitore ieri del Prix Fnac, è «Bakhita» di Véronique Olmi, che fa scoprire ai francesi la storia meravigliosa (in italiano nel testo) di «Madre Moretta», schiava e poi santa, nata in Darfur nel 1869 e morta a Schio (Vicenza) dopo la fine della Seconda guerra mondiale.

La scrittrice

«Mi sono avvicinata alla storia di Bakhita per caso, entrando un giorno nella chiesa di Langeais, nella Loira, dove ho una casa — dice la scrittrice —. Ho visto il suo ritratto e sono rimasta completamente rapita da quello sguardo. C’erano poche notizie, stavo scrivendo un altro libro ma non ho potuto fare altro che accantonarlo e dedicarmi a scoprire tutto di quella donna».

Rapita a Olgassa

Bakhita è il nome che le venne dato per beffa dopo che due uomini andarono a rapirla nel villaggio di Olgassa, nel Darfur, quando lei aveva appena sette anni. Non si è mai più ricordata il suo nome vero, come non aveva memoria della vita che ha preceduto la schiavitù. Bakhita, «Fortunata», l’hanno chiamata i trafficanti di uomini. Al grande mercato di El Obeid venne comprata da un ricco arabo che la portò a casa come un trofeo regalandola alle figlie e al figlio 14enne Samir. Le ragazze mostrano alle amiche questa schiava così bella «che sa fare tante cose», come imitare le scimmie e prendere con la bocca i frutti lanciati in aria. Samir la fa entrare nel suo harem, e picchia «Fortunata» fino a farla sanguinare.

«Come è possibile?»

Il libro di Véronique Olmi non è una biografia, «le date sono corrette, gli eventi e i luoghi raccontati sono veri ma si tratta di un romanzo perché quel che mi interessava era raccontare l’effetto che la storia di Bakhita ha avuto su di me. Ponendomi continuamente la domanda, “come è possibile?”. Come è possibile che una bambina sottoposta a sofferenze simili, che non parlava bene perché mescolava più lingue, che aveva cancellato la sua infanzia, sia vissuta poi cercando di aiutare le persone a lei vicine fino a essere proclamata santa da Giovanni Paolo II?».

Il generale turco

Dopo l’harem Bakhita venne venduta a un generale turco che permise alla moglie di tatuarla e scarificarla, torturandola con il sale sulle ferite prima di rivenderla. Ma la quinta volta che la ragazza ormai quattordicenne venne ceduta, al console italiano a Karthoum, la sua vita finalmente cambiò. Callisto Legnani ordinò ai servitori di lavarla e, soprattutto, per la prima volta, vestirla. «La domestica Aïcha l’aiuta a uscire dalla vasca e le porge una lunga tunica bianca percorsa da fili rossi e perle. Bakhita non capisce e non si muove, restano un momento a guardarsi, la tunica bianca tra di loro. (..) Dal tessuto bianco non usciva che il nero del suo volto, come scolpito dalla luce, e miracolosamente non scarificato. Tutti i marchi d’infamia erano nascosti, la tunica era come un velo di pudore e per la prima volta dal suo rapimento lei ha sentito che qualcosa le apparteneva. Il suo corpo, oggetto di profitti e di tante violenze, le veniva restituito, dissimulato agli altri».

Il battesimo

La vergogna permanente di vivere nuda tra persone vestite finì. Il console la trattò per la prima volta da essere umano e la portò con sé in Italia. Bakhita lavorò poi a Venezia per Augusto Michieli che le diede un’educazione religiosa. Nel 1890 Bakhita fu battezzata e cresimata dal patriarca di Venezia ed entrò poi nel convento di Schio dove la chiamavano «Madre Moretta».

Parlava in dialetto

La ragazza venuta dal Sudan del Sud parlava veneto e si stupiva dell’interesse attorno a lei: Tuti i vołe védarme: son propio na bestia rara! (tutti vogliono vedermi). Nell’Italia del Ventennio, tra curiosità e paternalismo, Madre Moretta cominciò a essere venerata per la dedizione ai bambini e la bontà a prova di torture. Morì nel 1947, a 78 anni. Papa Wojtyla la fece beata nel 1992 e santa nel 2000. «Aveva il senso di colpa della sopravvissuta — dice Olmi —. Anche per questo, in Veneto per cinquant’anni, si è occupata dei bambini senza genitori, come lei».