Per la tragedia di Genova e l’Assunta 2018. Jacques Brel, La ville s’endormait, di Andrea Lonardo

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 20 /08 /2018 - 12:01 pm | Permalink
- Tag usati: , , ,
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Riprendiamo sul nostro sito un testo di Andrea Lonardo. Per altri testi, vedi la sezione Canzoni e il tag scritti_andrea_lonardo

Il Centro culturale Gli scritti (15/8/2018)

Nel dolore di Genova e nel giorno dell’Assunta mi viene in mente una canzone laicissima, straordinariamente bella, di Jacques Brel, La ville s'endormait (Jacques Brel - mi perdoni chi lo conosce e lo ama -  è un cantautore belga che è stato maestro di De Andrè).
La canzone, come altre di Brel, sembra descrivere il nonsenso dell’esistenza, con paesi ed incontri di cui non si ricorda nemmeno il nome. Tutto sembra ripetersi senza senso, e la morte è ad un passo – Brel canta di sapere già da lungo tempo che “si muore a caso, allungando di un passo” – “Je sais, depuis déjà que l'on meurt de hasard en allongeant le pas”. Tutto sembra insensato e, se c’è chi ritiene di essere atteso, Brel canta di non essere “atteso da nessuno” – “mais on ne m'attend point”.
Ma. Ma C’è un “ma”. All’improvviso una ragazza, la cui bellezza cambia l’orizzonte - e la canzone passa dal minore al maggiore, lo avverte anche chi non sa niente di musica. C’è una apparizione che sembra indicare che, nonostante il nulla e la routine apparenti, esista una bellezza che vale la pena seguire. Esiste una donna che passa e che deve essere seguita: “La ville s'endormait et j'en oublie le nom, et vous êtes passée, Demoiselle inconnue”.

La domanda che porta l’uomo nel cuore è come si possa passare dal non senso del morire apparentemente per caso – che si può arginare, ma non eliminare - ad una sorpresa che conquista il cuore, ad una Donna che non si può più dimenticare, una Sconosciuta che diviene notissima.

Questa la canzone in francese

La ville s'endormait
Et j'en oublie le nom
Sur le fleuve en amont
Un coin de ciel brûlait
La ville s'endormait
Et j'en oublie le nom
Et la nuit peu à peu
Et le temps arrêté
Et mon cheval boueux
Et mon corps fatigué
Et la nuit bleu à bleu
Et l'eau d'une fontaine
Et quelques cris de haine
Versés par quelques vieux
Sur de plus vieilles qu'eux
Dont le corps s'ensommeille

La ville s'endormait
Et j'en oublie le nom
Sur le fleuve en amont
Un coin de ciel brûlait
La ville s'endormait
Et j'en oublie le nom
Et mon cheval qui boit
Et moi qui le regarde
Et ma soif qui prend garde
Qu'elle ne se voit pas
Et la fontaine chante
Et la fatigue plante
Son couteau dans mes reins
Et je fais celui-là
Qui est son souverain
On m'attend quelque part
Comme on attend le roi
Mais on ne m'attend point
Je sais, depuis déjà
Que l'on meurt de hasard
En allongeant le pas

La ville s'endormait
Et j'en oublie le nom
Sur le fleuve en amont
Un coin de ciel brûlait
La ville s'endormait
Et j'en oublie le nom
Il est vrai que parfois
Près du soir les oiseaux
Ressemblent à des vagues
Et les vagues aux oiseaux
Et les hommes aux rires
Et les rires aux sanglots
Il est vrai que souvent
La mer se désenchante
Je veux dire en cela
Qu'elle chante
D'autres chants
Que ceux que la mer chante
Dans les livres d'enfants
Mais les femmes toujours
Ne ressemblent qu'aux femmes
Et d'entre elles les connes
Ne ressemblent qu'aux connes
Et je n'suis pas bien sûr
Comme chante un certain
Qu'elles soient l'avenir de l'homme

La ville s'endormait
Et j'en oublie le nom
Sur le fleuve en amont
Un coin de ciel brûlait
La ville s'endormait
Et j'en oublie le nom
Et vous êtes passée
Demoiselle inconnue
À deux doigts d'être nue
Sous le lin qui dansait.

Con traduzione italiana:

La città s'addormentava
E non ne ricordo il nome
A monte sul fiume
Bruciava un angolo di cielo
La città s'addormentava
E non ne ricordo il nome

E la notte a poco a poco
E il tempo sospeso
E il mio cavallo infangato
E il mio corpo stanco
E la notte di blu in blu
E l'acqua di una fontana
E qualche grido d'odio
Rovesciato da qualche vecchio
Su qualcuna più vecchia ancora
Il cui corpo s'assopisce

La città d'addormentava
E non ne ricordo il nome
A monte sul fiume
Bruciava un angolo di cielo
La città s'addormentava
E non ne ricordo il nome

E il mio cavallo che beve
E io che lo guardo
E la mia sete che fa attenzione
Che non la si veda
E la fontana canta
E la stanchezza mi pianta
Il coltello nelle reni
E io faccio come uno 
Che ne è sovrano
Mi aspettano da qualche parte

Come si aspetta il re
Ma non mi aspettano affatto
Lo so già da un po'
Che si muore per sorte
Allungando il passo

La città s'addormentava
E non ne ricordo il nome
A monte sul fiume
Bruciava un angolo di cielo
La città s'addormentava 
E non ne ricordo il nome

E' vero che a volte
Verso sera gli uccelli
Rassomigliano a onde
E le onde agli uccelli
E gli uomini alle risa
E le risa ai singhiozzi
E' vero che spesso
Il mare si disincanta 
Con questo voglio dire
Che canta altri canti
Da quelli che canta il mare
Nei libri per bambini
Sempre però le donne
Non somigliano che alle donne
E tra loro le cretine
Non somigliano che alle cretine
E io non sono molto sicuro
Come canta un tale
Che esse siano il futuro dell'uomo

La città s'addormentava
E non ne ricordo il nome
A monte sul fiume
Bruciava un angolo di cielo
La città s'addormentava 
E non ne ricordo il nome

E voi siete passata
Fanciulla sconosciuta
A un filo dall'esser nuda
Sotto il lino che danzava.