Suor Marguerite Rutan, religiosa ghigliottinata durante la Rivoluzione francese, è stata beatificata

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 18 /06 /2011 - 14:25 pm | Permalink
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Riprendiamo dall’Agenzia Zenit del 16/6/2011 un breve articolo. Restiamo a disposizione per l’immediata rimozione se la presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno degli aventi diritto. I neretti sono nostri ed hanno l’unico scopo di facilitare la lettura on-line.

Il Centro culturale Gli scritti (18/6/2011)

Il Prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi, il Cardinale Angelo Amato, presiederà la beatificazione di suor Marguerite Rutan, Figlia della Carità di San Vincenzo de' Paoli, questa domenica a Dax. [...]

Pioniera dell'azione sociale

Marguerite Rutan nacque a Metz nel 1736, ottava di 15 fratelli. Suo padre intagliava la pietra, era maestro muratore e architetto. La madre, profondamente cristiana, diede a ogni figlio un'educazione religiosa seria e l'esempio di una vita di dedizione.

Nel 1757, a 21 anni, iniziò il noviziato presso la casa madre delle Figlie della Carità a Parigi.

Nel 1779 assunse come superiora la direzione di un ospedale a Dax e divenne rapidamente una pioniera dell'azione sociale, con opere come l'apertura di una scuola e l'accoglienza di bambine abbandonate.

Quando giunse il periodo del Terrore, le monache dell'ospedale restarono recluse nel convento di Carmas, trasformato in carcere per le donne, mentre quello dei Cappuccini serviva da carcere per gli uomini e il palazzo episcopale da tribunale rivoluzionario.

Nel 1792 le religiose furono accusate di furto, e nel 1793 suor Marguerite venne denunciata e arrestata la vigilia di Natale. Venne condannata a morte dal tribunale rivoluzionario il 9 aprile 1794 e ghigliottinata lo stesso giorno per non aver voluto abiurare dalla sua fede.

Un anno dopo, il Direttorio lamentò che la donna fosse stata “sacrificata in modo disumano per motivi la cui prova deve ancora essere acquisita”.