Il presepe e l’albero di Natale richiamano il Mistero dell’incarnazione, ma toccano il cuore di tutti, anche di coloro che non credono, perché parlano di fraternità, di intimità e di amicizia (da papa Francesco)

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 29 /12 /2014 - 18:17 pm | Permalink
- Tag usati: ,
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

da papa Francesco nell’Udienza alle Delegazioni provenienti da Verona e da Catanzaro per il dono del Presepio e dell’Albero di Natale in Piazza San Pietro, il 19/12/2014

Il presepio e l’albero di Natale sono segni natalizi sempre suggestivi e cari alle nostre famiglie cristiane: essi richiamano il Mistero dell’incarnazione, il Figlio unigenito di Dio fattosi uomo per salvarci, e la luce che Gesù ha portato al mondo con la sua nascita. Ma il presepe e l’albero toccano il cuore di tutti, anche di coloro che non credono, perché parlano di fraternità, di intimità e di amicizia, chiamando gli uomini del nostro tempo a riscoprire la bellezza della semplicità, della condivisione e della solidarietà. Sono un invito all’unità, alla concordia e alla pace; un invito a fare posto, nella nostra vita personale e sociale, a Dio, il quale non viene con arroganza ad imporre la sua potenza, ma ci offre il suo amore onnipotente attraverso la fragile figura di un Bimbo. Il presepe e l’albero portano quindi un messaggio di luce, di speranza e di amore.