Il Padre nostro come richiesta a Dio perché mandi sacerdoti nella sua messe (da sant’Annibale Di Francia)

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 29 /05 /2016 - 15:15 pm | Permalink
- Tag usati:
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

da sant’Annibale Di Francia, Preghiere per impetrare i buoni evangelici operai alla santa Chiesa, quarta edizione corretta ed accresciuta, Messina 1905, Tipografia del Sacro Cuore, riportato in Scritti, I, Preghiere al Signore (1873-1912), Roma 2007, pp. 392-293

«Padre nostro che siete nei cieli, ricordatevi che Voi ci avete promesso che non ci lascerete orfani; deh! mandateci a nostra salute e santificazione i vostri sacri ministri, che quali Padri delle anime, ci diano la vita dello spirito, e ci crescano col nutrimento della fede e della Carità.

Sia santificato il vostro nome, Gesù, pel ministero santissimo dei Vostri Eletti, che investiti del vostro Eterno sacerdozio, e pieni del Vostro S. Spirito, Vi facciano conoscere ed amare da tutti i popoli della terra, senza eccettuare un’anima sola.

Venga il vostro regno, Signore, e sia edificato sulle ruine del regno del peccato, dai Vostri fedeli ministri, che con la santità della vita, divorati dallo zelo della vostra gloria e della salute delle anime, e col sacro fuoco della Divina Parola, distruggano gli errori, abbattano l’inferno, convertano i peccatori, ed edifichino tutte le anime, conducendole alla cristiana perfezione, per modo che tutta la Vostra Chiesa non sia che un solo ovile ed un solo Pastore.

Si faccia, o signore la vostra volontà come in cielo così in terra; e giacché ci avete lasciato il Sommo Pontefice, i vescovi, e i sacerdoti come rappresentanti della Vostra Divina Volontà, Vi supplichiamo, che Voi, Pastore Eterno, non cessiate di provvedere la Vostra Chiesa di ministri perfetti e santi, in tutta la Ecclesiastica Gerarchia, perché tutti i popoli siano condotti alla perfetta ubbidienza della Vostra santissima Legge.

Dateci oggi il nostro pane quotidiano, il pane della Vostra grazia che nutrisce le anime; datecelo per mezzo dei vostri santi sacramenti, e perché questi santi sacramenti che Voi avete formati col Vostro Preziosissimo Sangue siano degnamente amministrati, noi Vi supplichiamo di arricchire la Vostra Chiesa di Eletti ministri, i quali comunichino a tutte le anime la Vostra grazia santificante.

Perdonate a noi i nostri peccati come noi perdoniamo ai nostri nemici, dolcissimo Gesù; e siccome per un eccesso di Vostra Carità, conferiste ai sacerdoti la facoltà di assolvere le anime dai peccati: deh ! suscitate, inviate in mezzo ai popoli i compartecipi del Vostro sacerdozio, i ministri Eletti e fedeli che trattino indefessamente e santamente il Ministero della riconciliazione, e che per questo gran mezzo conducano innumerevoli anime al Vostro Cuore.

Non ci fate cadere in tentazione, ma liberateci dal male. O Gesù pietosissimo, qual’altro mezzo più efficace del Vostro sacerdozio ci avete Voi lasciato, perché da ogni male siamo noi preservati Deh! se i peccati nostri ci hanno privato di tanta grande Misericordia, noi Vi supplichiamo che la Vostra Grazia abbondi dove é sovrabbondata la umana malizia, e Vi degniate di suscitare ben presto un gran numero di Vostri Servi e ministri che siano tutti secondo il vostro Cuore, e con gran zelo, e col sacrifizio di tutti se stessi, attendano a preservare le anime dal peccato, e crescerle a perfetta santificazione e salute. Amen. Così sia».