Gli esseri umani voluti dalle divinità non come nativi o abitanti di questo luogo, ma per scrutare il regno celeste che li sovrasta, una visione che non è stata accordata ad alcun’altra creatura vivente (da Marco Tullio Cicerone)

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 08 /07 /2018 - 13:03 pm | Permalink
- Tag usati:
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

M.T. Cicerone, La natura degli dei, II, 140

Potrei citare molte ulteriori prove dell’assidua e benevola provvidenza della natura, per rendere chiara la grandezza di questi straordinari doni degli dei all’umanità.

In primo luogo li vollero eretti e sollevati da terra di modo che, guardando in cielo, potessero acquistare una conoscenza degli dei.

Gli esseri umani sono sorti dal grembo della terra non come nativi o abitanti di questo luogo, ma per scrutare il regno celeste che li sovrasta, una visione che non è stata accordata ad alcun’altra creatura vivente.