Breve nota teologica a partire dal Corano che rifiuta che Cristo sia veramente morto in croce, di Andrea Lonardo

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 08 /02 /2015 - 22:15 pm | Permalink
- Tag usati: ,
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Breve nota teologica a partire dal Corano che rifiuta che Cristo sia veramente morto in croce, di Andrea Lonardo

Su questo cfr. 

Il Centro culturale Gli scritti (8/2/2015)

La soteriologia è intimamente legata alla dogmatica: dire che Cristo è il Salvatore è aver detto tutto su di lui. Infatti, se Cristo è morto in croce per i nostri peccati, se ci ha salvati, se crediamo che Dio è amore dopo aver visto la croce, noi crediamo che Gesù è veramente Dio. Nella croce noi non incontriamo una bella testimonianza, bensì molto più profondamente noi siamo abbracciati dal suo amore, cioè dall’amore di Dio. Nella croce noi siamo amati e salvati. Senza quell’amore non potremmo con le nostre sole opere incontrare Dio.

L’Islam non può accettare la croce, perché se la accettasse, dovrebbe riconoscere che abbiamo bisogno di un Salvatore. E che è Gesù che ci ha salvati. E che non è la sola fede in Allah che salva. E che sarebbe necessario “associare” a Dio un altro, il suo Figlio.

Infatti, se Gesù è Figlio di Dio allora la croce ha un senso. Se Gesù non è Figlio di Dio allora la croce non ha alcun significato.

Ma vale pure l’inverso. Se Gesù è morto in croce consapevolmente per salvarci, allora egli è Dio.

Ancora una volta appare evidente come il dogma non sia una questione teologica astratta, ma la custodia del fatto che la vita è stata salvata e che Dio è venuto in mezzo a noi.