Come si distorce un messaggio. Breve nota di Andrea Lonardo in margine a un video su Caravaggio

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 06 /06 /2016 - 08:51 am | Permalink
- Tag usati: , ,
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Mettiamo a disposizione sul nostro sito un articolo di Andrea Lonardo. Restiamo a disposizione per l’immediata rimozione se la sua presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno degli aventi diritto. Per approfondimenti su Caravaggio e per ulteriori articoli sul tema di Andrea Lonardo, cfr. la sotto-sezione Caravaggio nella sezione Roma e le sue basiliche (cfr. in particolare Caravaggio e le storie di San Matteo nella Cappella Contarelli: un'introduzione alla visita, di Andrea Lonardo).

Il Centro culturale Gli scritti (6/6/2016)

Download this video.

Video "lonardo tg caravaggio"

Nell’intervista dichiaro che Caravaggio non è un pittore “naturalista”, bensì che utilizza la luce in maniera fortemente simbolica e che sceglie riferimenti sacramentali. Ma subito il montaggio mostra un sequenza nella quale si afferma che il Merisi è un pittore esclusivamente realista

Nel prosieguo dell’intervista presento la piena consonanza del Caravaggio con la Roma controriformista e, in alcune battute tagliate, aggiungo che le prime versioni delle opere del Merisi non vennero rifiutate, ma fu lui stesso a non ritenerle all’altezza. Subito il montatore aggiunge una sequenza nella quale un ecclesiastico rimprovera a Caravaggio di dipingere figure secondo canoni opposti alla “controriforma” – fra l’altro con lo sfondone storico di utilizzare un termine che è di molto successivo.   

I due spezzoni sono tratti da una fiction in due puntate, trasmesse su Rai Uno il 17 e il 18 febbraio 2008, con la regia di Angelo Longoni e l’attore Alessio Boni come protagonista.

La vulgata caravaggesca trita e ritrita è così “vincente” che viene utilizzata come chiave di lettura. Non è dato sapere se la giustapposizione delle due sequenze della fiction è stata voluta espressamente nel montaggio per avversare le tesi da me proposte o se tale è l’ignoranza che nemmeno ci si è accorti dell’incongruenza delle due visioni contrapposte.

Certo è che il moralismo non scientifico con cui viene presentato Caravaggio come il buono, il realista, il ribelle, che si contrappone ad un potere cattivo, freddo e propagandistico serve ad un progetto ideologico. Non sapendo quali argomenti opporre alla rivalutazione di un’epoca talmente interessante da aver prodotto la pittura del Merisi – uno dei miti del XX e del XXI secolo –non si ha altra via che contrapporre Caravaggio alla sua epoca, per non piegarsi a modificare il proprio pregiudizio su quel periodo.